Un ricordo di Titina De Filippo…

✩✩✩
Il 27 marzo 1898 nasceva Titina De Filippo, grande attrice di teatro, sorella di Eduardo e Peppino.
✩✩✩

Titina De Filippo
Titina, Eduardo e Peppino De Filippo con Luigi Pirandello


✩✩✩ Titina De Filippo nel Dizionario Biografico Treccani


✩✩✩ Titina De Filippo nell’Enciclopedia del Cinema Treccani


✩✩✩ il ricordo in Res Gestae (Rai Storia)



✩✩✩

Titina De Filippo recita una lirica di Salvatore Di Giacomo, Ortenzie

Salvatore Di Giacomo, Ortenzie
St’ ortenzie ca tenite ‘int’ a sta testa,
che ll’adacquate a fa’? Nun l’adacquate:
levatennélle ‘a fora ‘a sta fenesta,
nun ‘o bedite ca se so’ seccate st’ ortenzie ca tenite ‘int’ a sta testa?…

E’ na malincunia: sta pianta è morta;
se ne cadeno ‘e sciure a ffronne a ffronne,
e ‘o viento, bella mia, piglia e ss’‘e pporta,
e chi sa che ne fa… se ll’annasconne…
E’ na malincunia: sta pianta è morta!

Morta nziemme cu nuie. Muorte nuie simmo:
nun ce penzammo cchiù, nun ce parlammo,
nun ce vedimmo cchiù, nun ce screvimmo…
E se pò chiammà vita? E nuie campammo?
Meglio, meglio accussì: muorte nuie simmo.

Viento, ca spierde ‘e sciure spampanate,
spàrtece pure a nuie, spierde st’ ammore:
asciutta tanta lacreme spuntate dint’ a chilli bell’ uocchie e ‘int’ a stu core,
viento, ca spierde ‘e sciure spampanate…

E comm’ accuminciaie, comm’ è fenuto
st’ ammore nuosto e tu fance scurdà:
ietta ‘o tterreno ncopp’ a stu tavuto,
e fallo sottoterra cunzumà…
Ah, comm’ accuminciaie!… Comm’è fenuto!

«Queste ortensie che tenete in questo vaso, che le innaffiate a fare? Non le annaffiate. Toglietele di fuori da quella finestra, non lo vedete che si sono seccate queste ortensie che tenete in questo vaso? E’ una malinconia, questa pianta è morta; se ne cadono i fiori di petalo in petalo e il vento, bella mia, se li porta e chi sa che ne fa, forse li nasconde. E’ una malinconia, questa pianta è morta. Morta insieme a noi. Noi siamo morti; non ci pensiamo più, non ci parliamo; non ci vediamo più, non ci scriviamo. E si può chiamare vita? E noi viviamo? Meglio, meglio così: noi siamo morti. Vento che disperdi i fiori spampanati, dividi anche noi, disperdi questo amore, asciuga le tante lacrime che sono cadute dentro quei begli occhi e in questo cuore, vento che disperdi i fiori spampanati… E come è cominciato e come è finito questo nostro amore, faccelo dimenticare. Getta la terra su questa bara e fallo consumare sotto terra… Ah come è cominciato!… Come è finito!…


✩✩✩

Filumena Marturano, con Titina ed Eduardo De Filippo ~ durata: 1.35.50



✩✩✩

i fratelli De Filippo in un CineGiornale Luce (Giornale Luce C0341 del 20/04/1943 ~ al Teatro Quirino di Roma spettacolo per i feriti i guerra)



✩✩✩

Totò, Peppino e i fuorilegge, L’invito a cena



✩✩✩

Totò, Peppino e i fuorilegge, La cena

✩✩✩

Titina De Filippo






Leave a Reply




Autorizzazione all’uso dei cookie. La legislazione europea in materia di privacy e protezione dei dati personali richiede il consenso per l'uso dei cookie. SI ACCONSENTE? Per ulteriori informazioni visualizzare la Cookie Policy. NO, NON ACCETTO - Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi