Maggio

… E’ nera come il messaggio dell’uragano estivo,
come l’ombra del bosco rinato,
come il desiderio di un amore segreto
in una pensosa notte di maggio.

calendario di Maggio

✩✩✩
Nel villaggio i vicini la chiamavano
Nera – ma lei nel mio cuore è un giglio.
La luce scendeva, fasciata dalle nuvole,
quando l’ho vista la prima volta in un campo:
aveva il capo scoperto, il velo sollevato,
i suoi capelli scendevano sul collo raccolti in trecce.
Può essere Nera, come la chiamano,
ma da quando ho visto i suoi occhi
io sono felice.

L’ansia del cielo annunciava il monsone.
Entrò nella capanna quando sentì
la mucca pomellata muggire di paura.
Voltò un momento i grandi occhi alla nuvole,
sentì in alto il movimento
della tempesta imminente.
Io stavo in mezzo al campo di riso.
Se m’ha notato lo sa solo lei.
È nera come il messaggio dell’uragano estivo,
come l’ombra del bosco rinato,
come il desiderio di un amore segreto
in una pensosa notte di maggio.
(Rabindranath Tagore)
✩✩✩



Nei ricordi di mia madre c’è mia nonna che cantava Era de Maggio; ho amato fin da piccola questa vera Poesia.
✩✩✩

Era de Maggio

Era de maggio e te cadéano ‘nzino,
a schiocche a schiocche, li ccerase rosse…
Fresca era ll’aria…e tutto lu ciardino
addurava de rose a ciento passe…
Era de maggio, io no, nun mme ne scordo,
na canzone cantávamo a doje voce…
Cchiù tiempo passa e cchiù mme n’allicordo,
fresca era ll’aria e la canzona doce…
E diceva: “Core, core!
core mio, luntano vaje,
tu mme lasse, io conto ll’ore…
chisà quanno turnarraje!”
Rispunnev’io: “Turnarraggio
quanno tornano li rrose…
si stu sciore torna a maggio,
pure a maggio io stóngo ccá…
Si stu sciore torna a maggio,
pure a maggio io stóngo ccá.”
E só’ turnato e mo, comm’a na vota,
cantammo ‘nzieme lu mutivo antico;
passa lu tiempo e lu munno s’avota,
ma ‘ammore vero no, nun vota vico…
De te, bellezza mia, mme ‘nnammuraje,
si t’allicuorde, ‘nnanz’a la funtana:
Ll’acqua, llá dinto, nun se sécca maje,
e ferita d’ammore nun se sana…
Nun se sana: ca sanata,
si se fosse, gioja mia,
‘mmiez’a st’aria ‘mbarzamata,
a guardarte io nun starría!
E te dico: “Core, core!
core mio, turnato io so’…
Torna maggio e torna ‘ammore:
fa’ de me chello che vuo’!
Torna maggio e torna ‘ammore:
fa’ de me chello che vuo’!”
✩✩✩

Roberto Murolo, Era de Maggio



✩✩✩

Maggio

Al bel tempo di maggio le serate
si fanno lunghe; e all’odore del fieno
che la strada, dal fondo, scalda in pieno
lume di luna, le allegre cantate
dall’osterie lontane, e le risate
dei giovani in amore, ad un sereno
spazio aprono porte e petto. Ameno
mese di maggio! E come alle folate
calde dall’erba risollevi i prati
ilari di chiarore, alle briose
tue arie, sopra i volti illuminati
a nuovo, una speranza di grandiose
notti più umane scalda i delicati
occhi, ed il sangue, alle giovani spose.
(Giorgio Caproni)
✩✩✩





Leave a Reply




Autorizzazione all’uso dei cookie. La legislazione europea in materia di privacy e protezione dei dati personali richiede il consenso per l'uso dei cookie. SI ACCONSENTE? Per ulteriori informazioni visualizzare la Cookie Policy. NO, NON ACCETTO - Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi