Salvatore Di Giacomo

La stella di stasera è per…

un pianoforte
Salvatore Di Giacomo

Io sono di Roma, città in cui sono nata e vissuta e che adoro. Sono innamorata di Torino, mi piacciono Venezia Firenze Bari. Ma il rapporto che ho con la città di Napoli è particolare; un giorno ne parlerò in questo blog.
Questa sera voglio ricordare Salvatore Di Giacomo, morto nella notte tra il 4 ed il 5 aprile 1934.

✩✩✩ Salvatore Di Giacomo nel Dizionario Biografico Treccani



Nei ricordi di mia madre c’è mia nonna che cantava Era de Maggio; ho amato fin da piccola questa vera Poesia.
✩✩✩

Era de Maggio

Era de maggio e te cadéano ‘nzino,
a schiocche a schiocche, li ccerase rosse…
Fresca era ll’aria…e tutto lu ciardino
addurava de rose a ciento passe…
Era de maggio, io no, nun mme ne scordo,
na canzone cantávamo a doje voce…
Cchiù tiempo passa e cchiù mme n’allicordo,
fresca era ll’aria e la canzona doce…
E diceva: “Core, core!
core mio, luntano vaje,
tu mme lasse, io conto ll’ore…
chisà quanno turnarraje!”
Rispunnev’io: “Turnarraggio
quanno tornano li rrose…
si stu sciore torna a maggio,
pure a maggio io stóngo ccá…
Si stu sciore torna a maggio,
pure a maggio io stóngo ccá.”
E só’ turnato e mo, comm’a na vota,
cantammo ‘nzieme lu mutivo antico;
passa lu tiempo e lu munno s’avota,
ma ‘ammore vero no, nun vota vico…
De te, bellezza mia, mme ‘nnammuraje,
si t’allicuorde, ‘nnanz’a la funtana:
Ll’acqua, llá dinto, nun se sécca maje,
e ferita d’ammore nun se sana…
Nun se sana: ca sanata,
si se fosse, gioja mia,
‘mmiez’a st’aria ‘mbarzamata,
a guardarte io nun starría!
E te dico: “Core, core!
core mio, turnato io so’…
Torna maggio e torna ‘ammore:
fa’ de me chello che vuo’!
Torna maggio e torna ‘ammore:
fa’ de me chello che vuo’!”


✩✩✩

Roberto Murolo, Era de Maggio



✩✩✩

Pianefforte ‘e notte

Nu pianefforte ‘e notte
Sona lontanamente
E ‘a musica se sente
Pe ll’aria suspirà.
E’ ll’una: dorme ‘o vico
Ncopp’a sta nonna nonna
‘e nu mutivo antico
‘e tanto tempo fa.
Dio, quanta stelle cielo!
Che luna! E c’aria doce!
Quanto na bella voce
Vurria sentì cantà!
Ma solitario e lento
More ‘o mutivo antico;
se fa cchiù cupo o vico
dint’a all’oscurità.
Ll’anema mia surtanto
rummane a sta funesta.
Aspetta ancora. E resta,
ncantannose, a penzà.

un pianoforte



✩✩✩

Ortenzie

St’ ortenzie ca tenite ‘int’ a sta testa,
che ll’adacquate a fa’? Nun l’adacquate:
levatennélle ‘a fora ‘a sta fenesta,
nun ‘o bedite ca se so’ seccate st’ ortenzie ca tenite ‘int’ a sta testa?…

E’ na malincunia: sta pianta è morta;
se ne cadeno ‘e sciure a ffronne a ffronne,
e ‘o viento, bella mia, piglia e ss’‘e pporta,
e chi sa che ne fa… se ll’annasconne…
E’ na malincunia: sta pianta è morta!

Morta nziemme cu nuie. Muorte nuie simmo:
nun ce penzammo cchiù, nun ce parlammo,
nun ce vedimmo cchiù, nun ce screvimmo…
E se pò chiammà vita? E nuie campammo?
Meglio, meglio accussì: muorte nuie simmo.

Viento, ca spierde ‘e sciure spampanate,
spàrtece pure a nuie, spierde st’ ammore:
asciutta tanta lacreme spuntate dint’ a chilli bell’ uocchie e ‘int’ a stu core,
viento, ca spierde ‘e sciure spampanate…

E comm’ accuminciaie, comm’ è fenuto
st’ ammore nuosto e tu fance scurdà:
ietta ‘o tterreno ncopp’ a stu tavuto,
e fallo sottoterra cunzumà…
Ah, comm’ accuminciaie!… Comm’è fenuto!

«Queste ortensie che tenete in questo vaso, che le innaffiate a fare? Non le annaffiate. Toglietele di fuori da quella finestra, non lo vedete che si sono seccate queste ortensie che tenete in questo vaso? E’ una malinconia, questa pianta è morta; se ne cadono i fiori di petalo in petalo e il vento, bella mia, se li porta e chi sa che ne fa, forse li nasconde. E’ una malinconia, questa pianta è morta. Morta insieme a noi. Noi siamo morti; non ci pensiamo più, non ci parliamo; non ci vediamo più, non ci scriviamo. E si può chiamare vita? E noi viviamo? Meglio, meglio così: noi siamo morti. Vento che disperdi i fiori spampanati, dividi anche noi, disperdi questo amore, asciuga le tante lacrime che sono cadute dentro quei begli occhi e in questo cuore, vento che disperdi i fiori spampanati… E come è cominciato e come è finito questo nostro amore, faccelo dimenticare. Getta la terra su questa bara e fallo consumare sotto terra… Ah come è cominciato!… Come è finito!…

✩✩✩

Ortenzie recitata da Titina De Filippo



✩✩✩

Francesca Bertini in Assunta Spina (1915)

un pianoforte
Salvatore Di Giacomo








Leave a Reply




Autorizzazione all’uso dei cookie. La legislazione europea in materia di privacy e protezione dei dati personali richiede il consenso per l'uso dei cookie. SI ACCONSENTE? Per ulteriori informazioni visualizzare la Cookie Policy. NO, NON ACCETTO - Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi