Solo andata

…La nostra terra inghiottita non esiste sotto i piedi,
nostra patria è una barca, un guscio aperto.
Potete respingere, non riportare indietro,
è cenere dispersa la partenza, noi siamo solo andata.

un mare di morti a Lampedusa


Solo andata (di Erri De Luca)
Vogliono rimandarci, chiedono dove stavo prima,
quale posto lasciato alle spalle.

Mi giro di schiena, questo è tutto l’indietro che mi resta,
si offendono, per loro non è la seconda faccia.

Noi onoriamo la nuca, da dove si precipita il futuro
che non sta davanti, ma arriva da dietro e scavalca.

Devi tornare a casa. Ne avessi una, restavo.
Nemmeno gli assassini ci rivogliono.

Rimetteteci sopra la barca, scacciateci da uomini,
non siamo bagagli da spedire e tu nord non sei degno di te stesso.

La nostra terra inghiottita non esiste sotto i piedi,
nostra patria è una barca, un guscio aperto.

Potete respingere, non riportare indietro,
è cenere dispersa la partenza, noi siamo solo andata.

fiori sull'acqua per i morti di Lampedusa


********



Tuo fratello (di Eugenio Montale)
Tuo fratello morì giovane;
tu eri la bimba scaruffata che mi guarda
“in posa” nell’ovale di un ritratto.
Scrisse musiche inedite, inaudite
oggi sepolte in un baule, o andate al macero.
Forse le reinventa qualcuno
inconsapevole se ciò che è scritto è scritto.
L’amavo senza averlo conosciuto.
Fuori di te nessuno lo ricordava.
Non ho fatto ricerche: ora è inutile.

Dopo di te sono rimasto il solo
per cui egli è esistito. Ma è possibile,
lo sai, amare un’ombra, ombre noi stessi.

…in memoria del 3 ottobre 2013 e dell’immane tragedia di Lampedusa

Pier Paolo Pasolini, Alì dagli occhi azzurri ~ voce recitante: Toni Servillo



E per continuare a ricordare… «Orgoglio e pregiudizio!», un bellissimo post di chi in Sicilia è “orgoglioso di esserci nato”, consultabile qui.
In uno dei commenti al post si legge: “La salvezza del mondo, Giò, è nelle mani dei volontari, degli uomini di buona volontà e di quelli che hanno una coscienza, di quelli che non chiudono gli occhi e il cuore.
Troppo poco per salvare il mondo ma, ancora, sufficiente per salvare l’uomo.
” Stamane, commentando la tragedia del 3 ottobre in classe, con gli allievi di 3^, abbiamo in qualche modo convenuto, amaramente, che, sì, la salvezza del mondo è nelle mani delle donne e degli uomini di buona volontà. Ma non basta più…


E, per riflettere ancora… «Lampedusa», immaginare… “Non so quanto abbiamo dormito, forse un’ora, forse pochi minuti, ma qualcuno ora sta gridando.
Una voce nella lingua che conosco dice che si vede l’isola dei Conigli…”, consultabile qui.





20131013-185306.jpg

One Response to “Solo andata

  1. Giò ha detto:

    Ahimé Vittoria, quella di Lampedusa e di Scicli è una tragedia annunciata, una tragedia che è in itinerere da troppi anni. Ma hai trovato un modo molto efficace di ricordarla, la bellezza della poesia è un’arma formidabile per combattere l’orrore della follia dell’uomo.

Leave a Reply




Autorizzazione all’uso dei cookie. La legislazione europea in materia di privacy e protezione dei dati personali richiede il consenso per l'uso dei cookie. SI ACCONSENTE? Per ulteriori informazioni visualizzare la Cookie Policy. NO, NON ACCETTO - Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi