Viva Paolo Borsellino!

“E’ normale che esista la paura, in ogni uomo, l’importante è che sia accompagnata dal coraggio. Non bisogna lasciarsi sopraffare dalla paura, altrimenti diventa un ostacolo che impedisce di andare avanti.”
(Paolo Borsellino)

le loro idee camminano sulle nostre gambe

22 anni fa, il 19 luglio 1992, Paolo Borsellino e i cinque agenti di scorta Emanuela Loi (prima donna della Polizia di Stato caduta in servizio), Agostino Catalano, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina, venivano uccisi in un agguato mafioso, in via d’Amelio, a Palermo.
Anche oggi, 19 luglio 2014, pochi minuti fa, alle ore 16.58, ho ricordato, con una lacrima e un sorriso, Paolo Borsellino e con lui Giovanni Falcone, gli agenti delle scorte e tutte le donne e gli uomini morti per mano di mafia.


Paolo Borsellino vive!

clicca sull’immagine e vai alla board su Pinterest dedicata a PAOLO BORSELLINO



✩✩✩ «La lotta alla mafia dev’essere innanzitutto un movimento culturale che abitui tutti a sentire la bellezza del fresco profumo della libertà che si oppone al puzzo del compromesso morale, dell’indifferenza, della contiguità e quindi della complicità.»





Leave a Reply




Autorizzazione all’uso dei cookie. La legislazione europea in materia di privacy e protezione dei dati personali richiede il consenso per l'uso dei cookie. SI ACCONSENTE? Per ulteriori informazioni visualizzare la Cookie Policy. NO, NON ACCETTO - Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi